Notizie

1. Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2016 di Eni S.p.A

La Fondazione Finanza Etica, creata nel 2003 da Banca Etica, è giunta al decimo anno di azionariato critico. Nel 2007 abbiamo acquistato azioni di Eni con lo scopo di promuovere il ruolo dei piccoli azionisti e il loro contributo alla vita dell'impresa. Dal 2008 interveniamo alle assemblee per sollecitare la riflessione degli amministratori e degli azionisti sugli impatti che la condotta di Eni in campo ambientale e sociale può avere sul bilancio e sulla reputazione dell'impresa.

La nostra iniziativa è svolta in stretta collaborazione con le reti e le organizzazioni della società civile italiana e internazionale, come Re:Common e Global Witness, che interverranno dopo di me (sono intervenuti prima di me).

Abbiamo già inoltrato alla società una serie di domande sfruttando la possibilità offerta dall'articolo 127-ter del TUF e ringraziamo Eni per le risposte.

Dopo questa premessa, vorremmo portare all'attenzione del Consiglio di Amministrazione e degli azionisti di Eni alcune questioni che riguardano il bilancio di Eni sul quale annunciamo la nostra astensione.

Nel corso dell'assemblea 2016 l'amministratore delegato Claudio Descalzi ha annunciato un piano di investimenti di Eni per l'installazione di pannelli fotovoltaici nei pressi di asset del gruppo. In Italia saranno installati nelle aree Syndial. La capacità totale prevista per l'Italia e l'estero, nel piano 2017-2020, è pari a 463 MWp per un investimento nel quadriennio di 0,55 miliardi di euro. Continua la lettura, clicca sul documento icon Eni AGM 2017 Intervento FFE su 1. Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2016 

La Fondazione Finanza Etica ha aderito alla campagna #aprileorecchie! lanciata dalla  GCAP Italia in occasione del prossimo Summit G7 di Taormina, con cui si rivolge direttamente ai Leader del G7 per chiedere di “aprire le orecchie” ai problemi che affliggono l’umanità e il pianeta e di adottare politiche concrete per risolverli.

 

Leggi tutto...

La Coalizione Italiana contro la Povertà chiede ai Leader del G7 di non ignorare i problemi che colpiscono l’umanità e il pianeta e di agire concretamente per cambiare le cose. 
 
Il 26 e il 27 maggio prossimi, i capi di Stato e di Governo dei Paesi appartenenti al G7 (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Giappone), insieme all’Unione Europea, si riuniranno a Taormina sotto la Presidenza italiana per discutere delle principali questioni globali. 

Leggi tutto...

Stop gambling with our future! è la campagna lanciata dalla Coalizione italiana contro la povertà, a cui ha aderito la Fondazione Finanza Etica, in occasione della presidenza Italiana del G7 per il 2017: dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017, il cui Vertice si terrà a Taormina il 26 e 27 maggio

Coerente con la sua missione di contrastare i meccanismi che generano povertà e disuguaglianza nel mondo, promuovendo l’adozione di politiche di sviluppo sostenibile nel rispetto dei diritti umani, la Coalizione Italiana contro la Povertà si sta organizzando per condividere le sue richieste politiche con le istituzioni e per sensibilizzare e mobilitare l’opinione pubblica in vista del Summit. Stop gambling with our future! riflette la visione della Coalizione sui temi dello sviluppo sostenibile, la campagna è corredata di 8 schede tematiche che includono raccomandazioni specifiche sui singoli temi di interesse: clima e energia, migrazioni, sicurezza alimentare e agricoltura, questioni di genere, salute globale, educazione, commercio, giustizia fiscale (leggi qui i focus sui singoli temi).

Leggi tutto...

La Fondazione partecipa a

Contatti

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fax +39 055 2691148

SEDE LEGALE

Padova
Via N. Sauro 15, 35139

SEDI OPERATIVE

Firenze (direzione, attività culturali)
Via dei Calzaiuoli 7, 50124
T. +39 055 2381064

Seguici su questi social media o con l'RSS

 

 
Sei qui: Notizie