Eni:13 miliardi dal taglio dei costi e dalla vendita di asset

A marzo Eni ha annunciato un piano di tagli da 13 miliardi che prevede la riduzione di costi e la vendita di asset. Eni ha dichiarato che a partire dal 2019 venderà 7 miliardi di asset, per lo più partecipazioni in giacimenti di petrolio e di gas scoperti di recente. Questi si aggiungono agli oltre 8 miliardi di euro di asset in dismissione annunciati lo scorso anno. La società prevede anche 6 miliardi di euro di tagli dei costi, con oltre la metà proveniente dalla rinegoziazione di accordi con fornitori e appaltatori. 
Nonostante un recente rimbalzo, il prezzo del petrolio rimane sotto del 75% rispetto al picco raggiunto due anni fa. Il settore petrolifero nel suo complesso sta attraversando una grave crisi.
 All'inizio di questo mese Royal Dutch Shell ha chiuso un importante progetto per l'estrazione di gas negli Emirati Arabi Uniti (definito troppo costoso), mentre Exxon Mobil Corp. ha un piano per tagliare gli investimenti del 25%.
Pur considerando una perdita record di € 8,8 miliardi nel 2015, Eni pagherà, nel 2016, lo stesso dividendo dell'anno scorso. Non sarebbe meglio accantonare riserve in previsione di acquistare nuovi asset in futuro o orientare la produzione verso una maggiore sostenibilità, invece che soddisfare gli azionisti nel breve termine?
Questa è una delle domande che la FCRE presenterà alla prossima assemblea di Eni il 12 maggio 2016. Ma non è tutto.
Un'altra questione all'attenzione della FCRE riguarda il ruolo di Eni nel caso di presunta corruzione per l’aggiudicazione del giacimento offshore nigeriano OPL245, di cui si occupa la Procura di Milano. Emerge in questi giorni, dalle carte messe a disposizione dagli inquirenti, la suddivisione precisa tra vari politici e uomini d'affari nigeriani della presunta "maxitangente" da 1,92 miliardi di dollari e la possibile retrocessione di una parte della stessa tangente (circa 200 milioni di dollari) al fine di «remunerare amministratori e dirigenti di Eni» (fonte La Repubblica). La FCRE seguirà gli sviluppi della vicenda in attesa della prossima assemblea.

La Fondazione promuove

La Fondazione partecipa a

Contatti

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fax +39 055 2691148

SEDE LEGALE

Padova
Via N. Sauro 15, 35139

SEDI OPERATIVE

Firenze (direzione, attività culturali)
Via dei Calzaiuoli 7, 50124
T. +39 055 2381064

Seguici su questi social media o con l'RSS

 

 
Sei qui: Attività Azionariato critico Eni:13 miliardi dal taglio dei costi e dalla vendita di asset